Casi umani

É agli arresti domiciliari Luisa Pollaro, la madre della piccola Adelaide Ciotola, indagata con l’accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato, falso ideologico e falso materiale. Con lei sono finiti sotto inchiesta anche il marito, Vincenzo Ciotola, e un amico di famiglia.

Ai più probabilmente i nomi non diranno granché, ma questi sono i protagonisti di una delle più sconcertanti nefandezze alle quali non riusciamo ad abituarci.

La Pollaro, infatti, da mesi era riuscita a raggranellare un considerevole gruzzolo, ospite in televisione e in varie trasmissioni di ogni genere e canale, grazie alla raccolta fatta per la figlia, la quale, secondo quanto raccontavano le due, era affetta da una gravissima e rara malattia degenerativa, la sindrome del lobo medio.

Strappando lacrime a tutto spiano da Canale 5 a Rai Uno. Impressionanti le performance della piccola Adelaide che riusciva a commuovere gli altri ospiti presenti e milioni di spettatori a casa.

Ma il solerte lavoro della Iena Luigi Pelazza ha scoperchiato un disgustoso vaso di Pandora: la piccola gode di ottima salute e il tutto non era altro che una messinscena atta a spillare soldi agli inconsapevoli spettatori e alle celebrità che si prestavano nel fornire solidarietà alla bambina malata.

Una volta venuta fuori la verità, il mondo di facebook e dei social network si è scagliato contro la famiglia della vergogna a reclamare giustizia, ma ormai il danno è fatto e io mi mobiliterei piuttosto in un senso più radicale.

Il tristissimo retrogusto amaro di questa squallida vicenda mi porta infatti a fare principalmente due riflessioni.

La prima riguarda Adelaide, la bimba educata a dichiarare il falso, a recitare menzogne in televisione davanti alle telecamere e a un pubblico vastissimo. Che futuro potrà avere questa bimba? Che cosa ha fatto di male per meritare dei genitori simili? La cosa drammatica è che di questo sconcertante fatto, la vittima più indifesa pare essere proprio lei.

La seconda riguarda il tipo di trasmissioni che ha ospitato Adelaide e quella degenerata di madre, le cosiddette trasmissioni di casi umani.

Si è detto mille volte che è orrendo speculare ascolti su casi simili, sulla sofferenza della gente.

Ma alla luce di questi fatti non è altrettanto orrendo speculare sulla buona fede degli spettatori?

I soliti inutili enti come il Moige e l’Osservatorio per i Diritti dei Minori o l’Anti-Trust, la Vigilanza, continuano a non muovere un dito.

Beh, io il dito da muovere ce l’avrei, ma non sarebbe un gesto elegante.

Ma bando alle ciance, a cos’altro dobbiamo assistere per non vedere più in televisione trasmissioni del genere?

Intanto un gesto veramente elegante sarebbe quello di usare un dito (l’altro) per cambiare canale o spegnere la tv, in attesa che qualcuno di dovere intervenga finalmente con decisione.

About these ads

2 responses to “Casi umani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 635 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: