God Bless America

La terra dell’abbondanza, delle grandi possibilità, della libertà.

Ma anche quella delle contraddizioni, delle lobby che condizionano il potere politico, del sistema legislativo che privilegia i più ricchi (e che molti vorrebbero esportare da noi in Italia).

Questa è l’America, gli Stati Uniti, i poliziotti del mondo che mettono il becco dappertutto, soprattutto se ci sono fette di denaro e potere da spartire.

Naturalmente essendo più un continente che una nazione è ovvio che sia lo specchio più grande di quante contraddizioni esistano nel Mondo, così possiamo notare quanto gli Stati Uniti abbiano al loro interno le più grandi associazioni che si battono per i diritti civili e la pace, mentre allo stesso tempo contemplano la pena di morte ed è scritto nella Costituzione che ogni cittadino ha il diritto di poter possedere almeno un’arma.

Così non deve sorprenderci tanto (almeno ci provo) l’ultima notizia che riguarda le dimissioni di Philip Crowley, portavoce di Hillary Clinton, segretario di Stato, cioè ministro degli Esteri, americano.

Più che dimissioni si tratta di induzioni a queste naturalmente.

Vi domanderete di cosa si sia macchiato il buon Crowley e vi risponderò dicendo che nulla ha a che fare con le pratiche esoterico-sessuali del suo noto omonimo Aleister.

Il portavoce della Clinton infatti aveva pubblicamente, seppur in forma privata e personale, espresso il proprio disappunto circa le condizioni strazianti in cui versava Bradley Manning, l’ex soldato americano che si è macchiato del terribile crimine di aver spifferato a Wikileaks le tante meschinità di cui si è resa protagonista la diplomazia statunitense.

Manning è rinchiuso a Quantico sotto la ferma custodia dell’Fbi, dove è stato privato degli occhiali da vista, costretto a dormire nudo, a indossare un grembiule anti-suicidio, a spogliarsi davanti ai soldati più volte al giorno e a essere spesso svegliato di soprassalto nel corso della notte.

Il minimo per un crimine così grave, no? A proposito del nuovo corso Obamiano non c’è male, davvero.

E dunque come si è permesso quel cattivone di Crowley a esprimere la propria rimostranza verso tale trattamento?

Le dimissioni sono il minimo, sperando che non finisca a Quantico pure lui.

E già, God bless America.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: