Ti senti ancora con Bombolo?

«Ti senti ancora con Bombolo?» domandò anni fa Paolo Limiti a uno sconcertato Enzo Cannavale, commettendo una penosa quanto clamorosa gaffe.

Bombolo infatti era già scomparso prematuramente da molto tempo, e adesso il suo compagno di tanti film, Enzo Cannavale appunto, lo ha raggiunto l’altra notte, scomparendo a Napoli all’età di 82 anni.

Cannavale è stato a lungo la maschera tipica del napoletano medio, il caratterista classico partenopeo che ha incarnato lungo innumerevoli apparizioni le solite macchiette della città vesuviana.

Cresciuto sotto l’ala del maestro De Filippo, cominciò col teatro, dove si fece le ossa prima di cominciare una lunga carriera cinematografica denso di innumerevoli titoli, perlopiù raggruppati fra gli anni 70 e 80, durante l’esplosione della cosiddetta “commedia pecoreccia”.

Lì raggiunse una certa notorietà al fianco dell’inseperabile Bombolo, fino alla sua tragica e improvvisa scomparsa.

Nel corso degli anni il buon Cannavale ha cercato di trovare spazio in film che fossero più ambiziosi e alla fine degli anni 80, la sua carriera ha raggiunto l’apice con il Nastro d’Argento come miglior attore non protagonista per la sua interpretazione in 32 Dicembre nel 1988 e la partecipazione al film premio Oscar Nuovo Cinema Paradiso di Tornatore, sempre nello stesso anno.

Quell’apice però segnò allo stesso tempo la fine, data la conclusione di quella stagione del cinema italiano, e la crisi produttiva che colpì l’industria cinematografica del tempo. In televisione cominciò a fare apparizioni in svariate fiction, non lesinando ottime figure di fronte ai tanti belli inespressivi che popolano il piccolo schermo.

La sua scomparsa è anche la scomparsa definitiva di un mestiere, quello del caratterista, che è sempre più raro nel cinema e nella televisione italiana, dove si preferisce dare spazio ai soliti improvvisati guitti che a mestieranti di tutto rispetto.

La carriera di Cannavale è stata sicuramente sfortunata perchè non ha avuto la grande occasione di lavorare con grandi maestri ed è stato inghiottito dal periodo più triste del cinema italiano, però mi viene in mente di chiudere facendo un’ulteriore osservazione.

I trash-film di cui l’attore napoletano era fra i caratteristi erano scemenze fatte a costi risibili e che incassavano pure bene, ma certo non tanto da svettare in testa nelle classifiche del box-office.

I cine-panettoni di adesso sono figli di budget gonfiati e incassano un botto di milioni. E la qualità resta lontana migliaia di chilometri, allora come ora. Anzi, forse all’epoca si trattava di cinema popolare sincero e senza fronzoli, nato e morto nel giro di un battito di ciglia.

Adesso invece gli scorreggioni di questi tempi imperano sugli schermi dodici mesi l’anno.

Tanto da far rimpiangere Bombolo.

 


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: