Quanto pesa una poltrona

É davvero interessante, una volta di più, notare di quanto la politica, in questi tempi di dura crisi e repressione economica, sia così vicina all’esaudire le richieste del proprio indotto, non lesinando spese e cercando di dare il meglio ai propri dipendenti. Beati loro.

Questo, almeno, si evince dalle stravaganti spese messe a registro dalla Regione Sicilia, che più di ogni altro ente amministrativo, soddisfa al meglio le esigenze dei propri lavoratori, siano essi politici, dirigenti o quant’altro.

Così per festeggiare il Natale, la suddetta Regione, spende 75mila euro in varie forniture, perchè da veri cristiani è giusto non badare a spese. E chissà com’erano buoni quei panettoni costati in tutto 3mila418 euro.

In Sicilia poi tutti tengono alla forma, ed è normale che si lavora in Regione si debba avere un orologio con il logo ne certifichi il prestigio. Poco male che questi orologi costino ai contribuenti 18mila euro.

Eppure per gli amministratori e i politici regionali non dev’essere facile sostenere una vita di responsabilità, stress e pressioni. Per questo ognuno di loro ha diritto a una sedia ergonomica del valore di più di 500 euro l’una, per una spesa totale di quasi 6mila euro, ed è naturale che, lavorando in condizioni simili, i piedi dolgono più che a operai, casalinghe e commercianti. E a una sedia che vale 500 euro, mi sembra giusto abbinare un poggiapiedi che costi almeno 100 euro e un costo che sfonda il tetto dei 5mila euro.

Se poi vi pare poco che la Regione si doti di un mobile bar che valga più di 4mila euro, si vede che non capite il peso delle istituzioni e quanto sia necessario tale mobile al sostentamento e alla buona riuscita delle sedute dei nostri governanti.

I politici, lo si dice da sempre, sono attaccati col mastice alle loro poltrone, ed è comprensibile se si pensa che queste poltrone abbiano un costo totale che arriva a sfiorare le 12milaeuro in totale. Ed è bene che si veda nella maniera più chiara possibile e onde evitare qualsiasi equivoco, è d’uopo che due lampade costino ai contribuenti più di seicento euro.

E cosa volete che sia una libreria dal valore di più di 23mila euro?

Nella videorubrica di Lucia Russo e del Quotidiano di Sicilia, linkato a fine post, avrete nel dettaglio più completo tutte queste assurde spese fatte dalla Regione Sicilia, che pesano in maniera non indifferente nelle tasche di noi cittadini.

Totalmente inermi ad assistere a questo insensato sfoggio di lusso e superfluo che ci viene fatto sotto il naso e del quale ci rendiamo beffardamente complici e finanziatori.

Almeno adesso sappiamo in concreto quanto ci costa una poltrona. E perchè i politici sono così restii a lasciarle.

 

 


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: