L’amore è fuggito

Dopo una forzata e lunga pausa, dovuta alle festività pasquali e a impegni personali, riprendo a svelarvi i miei segreti dall’alveare.

Per cominciare comincio con una triste notizia che proprio nel giorno di Pasqua è stata resa nota: la morte all’età di 67 anni dell’attrice francese Marie-France Pisier, trovata deceduta nella propria piscina in circostanze misteriose che hanno fatto pensare al suicidio. L’attrice inoltre era da tempo malata di cancro.

Questa scomparsa devo ammettere che mi ha molto rattristato, perchè per me (come per molti altri amanti del cinema di Truffaut) Marie-France è e resterà sempre il bellissimo volto dolce della giovane Colette, il suo primo ruolo, il primo amore di Antoine Doinel che rincontrerà nel corso degli anni e dei film, sino all’ultimo che chiude il ciclo, L’amore fugge (1979).

Ma quello che rattrista ancora più è vedere come man mano, tutti i protagonisti di quello splendida saga che è quella di Truffaut e Jean-Pierre Léaud stanno scomparendo, e molti di loro in maniera tragica prematura, a partire proprio dal regista e ideatore della serie, morto a soli 52 anni nel 1984.

Stesso destino ha colto la splendida Claude Jade, la moglie di Antoine nel film, l’eterea Grace Kelly francese secondo il suo pigmalione Truffaut, che per lei perse la testa.  Claude, per tutti i doinelliani come me Christine Darbonne, è stata portata via da un brutto male nel 2006, a 58 anni.

Non possiamo nemmeno dimenticare l’amore più irrazionale e romantico di Doinel, la signora Tabar, moglie del suo capo al negozio di calzature, per la quale l’irruento Antoine perde totalmente il senno, tanto da abbandonare (momentaneamente) Christine. La splendida signora Tabar era interpretata da una bellissima Delphine Seyrig, morta anche lei a soli 58 anni nel 199o.

Una scena de L’amore fugge (un fotogramma della quale vedete nella foto qui in alto) vede protagonisti la Pisier e la Jade in una panchina, riunite nel club delle “ex di Antoine Doinel” a parlare del loro passato comune e delle loro amarezze presenti.

Quello che mi piace immaginare è che tutte restano immortali nella mia memoria e di tutti quelli che hanno amato follemente loro e i personaggi che hanno interpretato, e continuano a vivere per sempre in questo meraviglioso mondo che è il cinema.

Un saluto terreno a Marie-France, Claude e Delphine che sono fuggite dalla realtà per vivere in eternità nei sogni.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: